Etichettato: antico mestiere

Filare la lana

Una signora anziana fila la lana

Probabilmente nel Paleolitico era già nota la filatura, ma di sicuro nel Neolitico si filavano a mano fibre di lana e forse di canapa e lino, come testimoniano fusaiole e pesi per telaio in argilla trovati in scavi archeologici in varie parti d’Italia. L’accoppiamento tra un fuso e un volano, per ottenere rapidamente filati continui ritorti e di buona quantità, e l’uso della rocca risalgono alle più antiche civiltà umane.
Il metodo più antico per filare lana e altre fibre, e anche più comodo e facile, è quello di filare con il fuso. È comodo, poco ingombrante, e tutto l’occorrente è facilmente trasportabile in una borsa.
Prima della filatura va eseguito la cardatura che garantisce che alla fine i fili si presentino paralleli tra di loro. La lana cardata contiene fibre di tutte le lunghezze e il filato che si ottiene normalmente e’ soffice e un po’ peloso. Dopo la filatura le fibre si presenteranno ben orientate ma in modo casuale per quanto riguarda il colore e quindi formeranno una serie infinita di variazioni cromatiche che sono tipiche della lana “fatta a mano”.
Il sistema migliore per imparare a filare la lana (e anche le altre fibre) è proprio quello di osservare qualcuno mentre fila. Attualmente potete trovare una signora espertissima in questo mestiere antichissimo in Piazza Serristori a Figline Valdarno. Ma affrettatevi perché la dimostrazione della filatura è disponibile solo durante lo svolgimento di Autumnia, cioé questo fine settimana. (9 e 10 novembre 2012)